Environment- Finder Spa

FINDER, responsabilità ambientale e sociale per un futuro sostenibile

Impegno, investimenti ed attenzione concreta per l’ambiente e la società di domani.

Azienda orgogliosamente familiare, Finder ha costruito nel tempo il proprio ruolo come punto di riferimento globale nello sviluppo, produzione e distribuzione di un’ampia gamma di dispositivi per il settore dell’impiantistica industriale e civile.

Indipendenza e solidità finanziaria, continuità gestionale, etica e rispetto per persone ed ambiente sono valori che costituiscono la base della cultura aziendale.

In particolare, Finder crede nella sostenibilità come principio fondamentale del fare impresa fin dalla sua creazione, oltre 65 anni fa. La conservazione delle risorse naturali, la salvaguardia dell’ambiente e la riduzione dell’impatto sul clima sono obiettivi fondamentali di tutte le attività aziendali. Dalla progettazione e sviluppo di nuovi prodotti fino alla produzione, dal sourcing delle materie prime fino alle politiche di vendita o alla gestione del parco auto aziendale.

Sede Finder S.p.A Almese (TO)
Sede Finder S.p.A Almese (TO)

UNA VISIONE RESPONSABILE DEL FUTURO

La nostra concezione di sostenibilità si fonda su un approccio olistico che, oltre all’efficienza economica e alla salvaguardia dell’ambiente, considera imprescindibile la tutela delle persone, sia in termini di sicurezza e salute, che di soddisfazione e crescita professionale.

Per garantire alle generazioni future un domani degno di essere vissuto, Finder stabilisce una politica ambientale ed energetica attenta ed efficace, fissando obiettivi di miglioramento costante, investendo in tecnologie a basso impatto ambientale e monitorando indicatori specifici come la Carbon Footprint aziendale.

Impianto fotovoltaico Finder
Impianto fotovoltaico Finder

STRATEGIA: IL GREEN DEAL EUROPEO

Fare dell’Europa il primo continente al mondo a impatto climatico zero entro il 2050 è l’obiettivo dell’insieme di norme, proposte e impegni siglati dai 27 stati membri in quello che è stato definito come “EU GREEN DEAL”. 

Questo progetto è una sfida per tutti i settori dell’economia dell’UE per raggiungere gli obiettivi climatici intermedi del 2030 (riduzione del 55% minimo delle emissioni di CO2 comparate con i livelli 1990) in modo equo, conveniente e competitivo.

Finder ha accettato la sfida e, concretamente, è impegnata da anni su più ambiti:

  • Fornitura di energia pulita, accessibile e sicura. I contatori di energia, le interfacce a relè, i contattori di potenza e molti altri componenti Finder sono adottati da anni dai principali costruttori mondiali di sistemi per la generazione, gestione e distribuzione di energia da fonti rinnovabili.
  • Accelerazione del passaggio alla mobilità sostenibile. Finder è partner dei principali costruttori europei e mondiali di sistemi di ricarica per veicoli elettrici. Inoltre, una quota sempre crescente del parco auto aziendale è costituita da veicoli BEV, PHEV e MHEV.
  • Costruzioni e ristrutturazioni energeticamente efficienti. Le infrastrutture del gruppo sono progettate e realizzate seguendo criteri di risparmio energetico ed isolamento termico. Il fabbisogno energetico degli stabilimenti produttivi, è coperto per una parte consistente e crescente da fonti rinnovabili di proprietà del gruppo.

PASSO-PASSO VERSO UNA SOSTENIBILITA’ CONCRETA: LA CERTIFICAZIONE ISO 14064

Nel 2021 Finder ha ottenuto la certificazione ISO 14064, che verifica l’Impronta Ambientale di Organizzazione nelle sue due sedi produttive italiane, Almese e Sanfront.

L’azienda è tra le prime nel settore della produzione di dispositivi elettronici ed elettromeccanici ad ottenere la certificazione ISO 14064 in Italia.

Il percorso di certificazione verte sulla quantificazione del carbon footprint aziendale. Scopo ultimo è quello di mappare tutti i processi in cui è coinvolta l’azienda, dall’estrazione della materia prima, fino al carburante utilizzato negli spostamenti dei propri dipendenti, attraverso un assessment serio e scientifico che ha permesso di quantificare l’effettiva impronta ecologica aziendale.

L’iter si è concluso con la verifica condotta dall’ente di certificazione esterno TUV, autorevole ente di ispezione, che nel mese di ottobre 2021 ha rilasciato il certificato.

La certificazione è dunque un ulteriore passo concreto nel percorso verso la riduzione delle emissioni, oltre che un elemento di eccellenza che permetterà all’azienda di continuare ad anticipare l’evoluzione normativa del settore. Un settore che presenta opportunità e vantaggi per chi è in grado di dimostrare un ridotto impatto sull’ambiente attraverso criteri oggettivi e risultati quantificabili.

Category: Switch to the future

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

p.voghera@findernet.com'

Article by: Pierluigi Voghera