creuscolare modulare sonda esterna finder

Crepuscolari modulari con elemento fotosensibile separato – Serie 11

Come spiegato nell’articolo Gli interruttori crepuscolari, sono generalmente utilizzati per comandare gli impianti di illuminazione in funzione della luminosità rilevata nell’ambiente dall’apposito sensore/sonda fotosensibile, il quale registra il superamento e l’abbassamento della luminosità rispetto ad una soglia preimpostata.

Nei crepuscolari Serie 11 l’elemento fotosensibile è da installarsi separatamente.

Le funzioni principali e le caratteristiche dei crepuscolari modulari Serie 11 sono molto simili a quelle presenti sui modelli Serie 10 – con fotosensore integrato; in aggiunta sono dotati di tecnologia in grado di ridurre a zero l’isteresi, principio di funzionamento che permette di ridurre lo spreco di energia.

Scopri qui come funziona il principio di isteresi zero

Le caratteristiche dei crepuscolari Serie 11

  1. STOP a inutili accensioni e spegnimenti. Per evitare fastidiosi spegnimenti e accensioni causati dall’installazione accanto a fonti di luce, i tipi 11.41 e 11.91 lavorano secondo il principio di compensazione dell’influenza delle luci comandate (brevetto Finder).
    Se il sensore è colpito dalle luci comandate, infatti, rischia di accendere e spegnere le lampade in continuazione. Grazie alla tecnologia della Compensazione dell’influenza delle luci comandate il contributo della luce comandata viene conteggiato e ignorato, ovviando a questo tipo di pendolamento.
  2. Operazioni di regolazione facilitate. Per facilitare le operazioni di regolazione da parte dell’installatore, i primi 3 cicli di funzionamento del relè crepuscolare avvengono senza ritardo all’accensione e dell’anticipo dello spegnimento (3 per canale per il tipo 11.42 a due uscite).
  3. Modifica della soglia si accensione e spegnimento. Per una migliore gestione delle accensioni e degli spegnimenti del crepuscolare, è possibile regolare la soglia di intervento, da 1 a 1000 lux (con due diverse scale di regolazione, a seconda del tipo).
  4. Isteresi zero. Per ridurre lo spreco energetico, il crepuscolare è studiato per ridurre a zero l’isteresi, senza incorrere in alcuna instabilità di funzionamento del relè intorno alla soglia impostata.

Quale crepuscolare modulare scegliere?

Ogni modello della Serie 11 risponde a specifiche esigenze applicative, quindi è consigliabile farsi guidare nella scelta dalle proprie priorità d’uso:

Crepuscolare Finder 
tipo 11.31
Crepuscolare Finder
tipo 11.31
  • Classico;
    tipo 11.41 con 1 contatto in scambio – 16 A, larghezza 35 mm, dispone di un selettore a 4 posizioni:
    – scala “Standard” (soglia impostata 1…80 lx)
    – scala “High” (soglia impostata 30…1000 lx)
    – luce fissa (particolarmente interessante per il test alla prima installazione e per le operazioni di manutenzione impianto)
    – luce spenta (utile nel periodo vacanze).
 Crepuscolare Finder 
tipo 11.41
Crepuscolare Finder
tipo 11.41
  • Per l’accensione e lo spegnimento selettivo di più sorgenti luminose;
    tipo 11.42, con un contatto in scambio – 12 A + 1 NO 12 A, larghezza 35 mm. Grazie ai due contatti è possibile una doppia regolazione della sensibilità in modo totalmente indipendente tramite due regolatori posti sul frontale.
Crepuscolare Finder 
tipo 11.42
Crepuscolare Finder
tipo 11.42
  • Cronocrepuscolare digitale, per accensione e spegnimenti programmati;
    tipo 11.91, con 1 contatto in scambio – 16 A + 1 uscita ausiliaria 12 V DC, larghezza 35 mm. Questo modello unisce la funzione di relè crepuscolare alla funzione di interruttore orario giornaliero, con orari di spegnimento/riaccensione programmabili.
 Crepuscolare Finder 
tipo 11.91
Crepuscolare Finder
tipo 11.91
  • Con uscita ausiliaria per comandare un carico luminoso diverso:
    l’uscita ausiliaria del crepuscolare tipo 11.91, controllata direttamente dalla funzione crepuscolare, è collegata al modulo di potenza tipo 19.91 (1 contatto in scambio – 16 A) permettendo di comandare separatamente un ulteriore carico luminoso.
 Modulo di potenza Finder tipo 19.91
Modulo di potenza Finder tipo 19.91

Il Tipo 11.91 e il modulo di potenza 19.91 trovano applicazione ideale quando ad esempio si decide di parzializzare il carico (risparmiando) in certi orari: tutto acceso al crepuscolo, spegnimento e riaccensione (eventuale) agli orari stabiliti di una parte dell’impianto e spegnimento definitivo al raggiungimento dei lux impostati. 

Gli elementi fotosensibili e gli accessori

Gli elementi fotosensibili da affiancare alla Serie 11 sono disponibili in due tipologie:

  • da installazione a parete/palo; tipo 011.02 (fornito con il relè crepuscolare).
    N.B. non compatibile con i crepuscolari tipo 11.01 e tipo 11.71, per cui è necessario utilizzare la sonda tipo 011.00
Sonda a parete/palo tipo 011.02
Sonda a parete/palo tipo 011.02
  • da incasso; tipo 011.03, a bassissimo impatto visivo, antivandalo e grado di protezione IP66/67
 Sonda da incasso Finder tipo 011.03
Sonda da incasso Finder tipo 011.03
datasheet-crepuscolari-S11-Finder

Per ottenere il codice del crepuscolare da richiedere al proprio distributore di fiducia, è inoltre disponibile sul sito Findernet.com il configuratore di prodotto =>:

Category: Switch to the future

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Emanuela De Palo