Guida NFC spiegata in 5 punti

Programmare un orologio con uno smartphone: mai stato così semplice!

Quante volte ti sei chiesto come utilizzare quella voce nello smartphone: “NFC”, proprio in alto sullo schermo, nella barra delle impostazioni rapide…

Ecco 3 ottimi motivi per farlo:

  1. FLESSIBILITÁ
  2. PRATICITÀ
  3. PRECISIONE

I nuovi Interruttori Orari della Serie 12 grazie alla tecnologia NFC Near Field Communication (Comunicazione in prossimità) e all’App gratuita FINDER Toolbox scaricabile da Google Play, possono essere programmati attraverso uno smartphone Android con la comunicazione NFC attivata.

I nuovi modelli possono essere programmati sia nel modo “Classico” tramite joystick, sia nel modo “Smart” tramite smartphone con comunicazione NFC.
Un volta scaricata e installata l‘App FINDER Toolbox, si può

  • leggere un programma esistente sull’orologio
  • programmare il dispositivo con la massima flessibilità
  • modificare anche i minimi dettagli e salvare le programmazioni direttamente sullo smartphone

A questo punto è sufficiente avvicinare lo smartphone al prodotto per trasferire i dati. 

FINDER Toolbox permette inoltre di avere sempre a disposizione tutte le novità e le schede tecniche dei prodotti FINDER, corri a provarla!

 

 

 

Category: Switch to the future

Tags:

2 comments

    1. Buongiorno Silvio,
      per il momento non è ancora stato sviluppato un sistema che permetta di ricevere dall’app Finder Toolbox o dall’interruttore orario una notifica che confermi il corretto invio del programma dalla app al dispositivo. Si può verificare che l’invio sia avvenuto, controllando la programmazione all’interno dell’orologio o le programmazioni impostate all’interno dell’app.
      La sua domanda però può essere l’occasione per migliorare questo aspetto della Finder Toolbox, pertanto ho provveduto a condividere il suo feedback con il reparto che si occupa dello sviluppo. Se dovessero venirle in mente ulteriori suggerimenti, non esiti a contattarci: findertoolbox@findernet.com!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Emanuela De Palo