Almo Elettrica Impianti Ragusa

Per illuminare una città basta uno smartphone

A Ragusa si è concluso il progetto che ha visto coinvolti il Comune e l’impresa specializzata in impianti elettrici “Almo Elettrica Srl“. L’obiettivo era di dare alla città un impianto di pubblica illuminazione più efficiente, sia in termini di risparmio energetico che di funzionalità.
Per la realizzazione del progetto, Almo Elettrica Srl ha utilizzato gli interruttori orari con tecnologia NFC di Finder.

Finder, che ha di recente avviato la nuova campagna pubblicitaria cui protagonista è il cliente, ha quindi incontrato Almo Elettrica, che si è messa a disposizione per raccontare la propria esperienza con i prodotti Finder.

Di come il progetto è nato e si è sviluppato, ne parla Antonio Dibenedetto: ingegnere elettrico e tecnico installatore che dopo alcuni anni di pratica presso diverse realtà del settore elettrico, ha deciso di portare avanti l’azienda di famiglia Almo Elettrica Srl, azienda familiare nata nel 1983 e che nel corso degli anni si è affermata come uno dei leader nel settore degli impianti elettrici civili e degli impianti elettrici industriali.

L’idea

La necessità evidenziata dall’ufficio tecnico del comune di Ragusa, era di risolvere i molti problemi di cui risentiva l’illuminazione pubblica.

In particolare, Ragusa era caratterizzata da una poco efficiente gestione dell’illuminazione, che non teneva conto di soluzioni che ottimizzassero l’accensione e lo spegnimento delle luci, inoltre presentava una carente uniformità nell’accensione delle stesse sul territorio.

Almo Elettrica Srl  ha quindi messo a disposizione le proprie competenze nella realizzazione e messa in opera del progetto di “riqualificazione” dell’impianto pubblico di illuminazione.

Quali prodotti sono stati sostituiti

Inerruttore orario Finder con NFC Ragusa

Il vecchio impianto di illuminazione è risultato una combinazione di dispositivi che non consentivano una gestione semplice della luce.

L’illuminazione di alcune zone della città era comandata da interruttori orari che consentivano l’accensione e lo spegnimento delle luci secondo orari fissi programmati manualmente. In altre zone erano invece installati interruttori crepuscolari che regolavano l’accensione delle luci in base all’aumento o alla diminuzione della luce naturale.

Mancava quindi un’uniforme accensione degli impianti di illuminazione.

I benefici dell’installazione di prodotti Smart

La soluzione è stata quella di dotare l’impianto di illluminazione pubblica di Ragusa di interruttori orari astronomici Finder con tecnologia NFC in sostituzione dei vecchi dispositivi.

Grazie a questo tipo di interruttori orari è sufficiente impostare il Codice postale (CAP) della città per far sì che il dispositivo calcoli automaticamente l’orario di alba e tramonto della zona e accendendo o spegnendo le luci in completa autonomia.

app_finder_toolbox
Scarica la App Finder Toolbox!

Strategica è la possibilità di programmare molti interruttori orari in pochi attimi, grazie all’App Finder Toolbox.

L’App consente infatti di memorizzare la programmazione sul proprio smartphone e semplicemente avvicinando quest’ultimo all’interruttore orario, è possibile trasmettere la programmazione salvata.

Grazie a questa nuova soluzione, si è potuto ottenere grandi vantaggi, sia relativamente alla gestione degli impianti di pubblica illuminazione, gestione che oggi risulta essere molto più pratica e veloce, sia relativamente all’efficienza energetica: un miglior controllo e gestione dell’accensione di tutta l’illuminazione della città, consente infatti di ottenere anche maggior risparmio energetico.

Questo nuovo sistema ha inoltre portato benefici non solo sul piano economico ed ecologico, ma anche su quello estetico, ottenendo un’accensione dell’illuminazione pubblica più armonica e visivamente più gradevole, come puoi vedere nel suggestivo time lapse di Ragusa dal tramonto al crepuscolo.  

Category: Case Histories

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Emanuela De Palo