Comoli visita stabilimento finder

Open day con Comoli Ferrari allo stabilimento Finder di Almese

Il gruppo Comoli Ferrari, importante distributore di materiale elettrico italiano, con una rete commerciale costituita da 111 punti vendita distribuiti in 8 regioni italiane, ha di recente fatto visita allo stabilimento Finder di Almese.

Finder, infatti, da alcuni anni ospita i clienti più importanti del settore della distribuzione, i grandi utilizzatori e gli studenti per far conoscere da vicino l’azienda e i processi produttivi con i quali vengono realizzati oltre 12.500 prodotti diversi!

Gli uffici Finder come base operativa per la riunione di polo

In occasione della visita allo stabilimento, Comoli Ferrari ha svolto presso gli uffici di Almese la propria riunione di Polo, con la partecipazione del responsabile Polo 1 Sergio Dario, dei responsabili filiale e degli agenti delle filiali di Novara Sede, Novara 2, Pombia, Baveno, Verbania, Gozzano e Domodossola.

Un open day per conoscersi meglio

L’open day da sempre rappresenta un’efficace occasione per conoscersi meglio, sia dal punto di vista professionale che relazionale. Durante la giornata il team Comoli è stato infatti guidato fra le linee produttive Finder e il centro logistico alla scoperta dei prodotti e dell’impegno grazie al quale vengono realizzati. 

Comoli-Polo-16-visita-Finder-luglio-2018
Polo 16 Comoli Ferrari in visita a luglio 2018

L’invito a visitare lo stabilimento produttivo e allo stesso tempo ad organizzare il proprio meeting aziendale, è inoltre una proposta che il Gruppo ha  accolto con entusiasmo, dal momento che già lo scorso luglio era stato ospite il Polo 16, capitanato da Mario Picerno e comprendente il team di responsabili e agenti delle filiali di Carmagnola, Chieri, Chieri Andezeno, Pinerolo e Savigliano.

Per questo motivo, le porte di Finder rimarranno ancora aperte per un altro appuntamento: una nuova riunione e visita da parte del team Comoli è infatti prevista a ottobre!

Category: Switch to the future

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Emanuela De Palo