GAI_Macchine Imbottigliatrici_Finder

GAI, switching with Finder

GAI Macchine Imbottigliatrici, azienda d’eccellenza nella progettazione di soluzioni per l’imbottigliamento e il confezionamento di bevande come vino, birra, beverage e spiriti “dal liquido alla bottiglia” aderisce alla partnership “Switching with Finder”. Un rapporto di successo che si basa su di una comune visione valoriale del fare azienda, derivata dallo spirito innovativo dei fondatori delle due aziende, segnati da un percorso parallelo che inizia in Piemonte. Partiti infatti entrambi da un piccolo laboratorio, segneranno, nel tempo, la storia dell’industria italiana e internazionale.

GAI Macchine Imbottigliatrici, dal Piemonte al Mondo

L’avventura di Giacomo Gai inizia negli anni Quaranta in Piemonte dove, tornato a casa dalla guerra, intuisce che il futuro del suo territorio è legato al settore della vitivinicoltura e che l’automazione ne diventerà il caposaldo. Dal 1965, quindi, l’azienda realizza le prime riempitrici isobariche che proiettano GAI verso il mercato dei vini e degli spumanti di qualità.

Il cambio di marcia definitivo avviene nel 1979, quando, durante la nona edizione della Simei (Salone Internazionale Macchine per Enologia e Imbottigliamento), l’azienda presenta, in anteprima mondiale, il monoblocco, una piattaforma multitasking sopra la quale montare tutte le soluzioni per l’imbottigliamento dei vini. Una vera rivoluzione tecnologica che permette a tutti i produttori di completare l’imbottigliamento grazie a un macchinario unico, compatto, flessibile, con un notevole risparmio di tempo. Dal 1985 l’azienda si sposta a Ceresole d’Alba, nella provincia di Cuneo, dove GAI inventa la sciacquatrice e il deareatore, strumenti preziosi per un imbottigliamento di eccellenza. Nel 2013 l’azienda amplia il suo polo produttivo investendo 32 milioni di euro in crescita e sviluppo: lo stabilimento raddoppia in superficie e GAI dà avvio ai lavori per trasformarsi in un’azienda indipendente dal punto di vista energetico.

Una rivoluzione tecnologica dal cuore green

Un deciso passo in avanti per una rivoluzione tecnologica dal cuore green, fattore che accomuna lo spirito di entrambi i brand, i quali continuano a puntare all’eccellenza, attraverso la scoperta di nuove frontiere tecnologiche e di aperture verso mercati stranieri. Finder infatti condivide appieno gli ideali di GAI relativi al risparmio energetico, per un futuro sempre più orientato su scelte di produzione sostenibili. Oggi entrambe le aziende, oltre a rispettare ampiamente le norme ambientali, realizzano la propria produzione con piena autonomia tecnologica, nonché energia elettrica autoprodotta, proveniente da fonti rinnovabili attraverso il massiccio impiego di pannelli fotovoltaici.

Finder e GAI, una partnership di successo

I prodotti a marchio Finder, rappresentano un fattore differenziante di qualità per un’azienda come GAI, che per i propri macchinari sceglie soluzioni dagli elevatissimi standard tecnologici e qualitativi, grazie anche all’utilizzo di dispositivi come le interfacce modulari a relè della Serie 39, i relè di controllo tensione della Serie 70 e i relè della Serie 55. Questi, insieme a zoccoli e moduli di segnalazione fanno parte della gamma di prodotti Finder integrati nella produzione delle macchine imbottigliatrici.

Nello specifico, le interfacce modulari a relè Finder della Serie 39 nelle versioni EMR e SSR si distinguono per le dimensioni ultrasottili, la semplicità, la versatilità di utilizzo e un’importante velocità di cablaggio grazie ai morsetti dotati della tecnologia a innesto rapido Push-IN. I relè di controllo multifunzione della Serie 70, invece, garantisco il controllo di sotto tensioni e sovratensioni, sequenza fase e mancanza fase, con logica a sicurezza positiva. L’affidabilità dei relè della Serie 55 completa la gamma di dispositivi Finder che accompagna l’evoluzione tecnologica di tutta la filiera GAI, che grazie alla messa a punto della “macchina monoblocco” oggi arriva a una produzione che va da una quantità di 3000 fino alle 15000 bottiglie all’ora. Una partnership di successo dunque, basata sul MADE IN ITALY e fondata su una condivisione di valori forti, come la affidabilità, l’impegno e l’originalità, capaci di garantire la crescita costante di entrambe le aziende in Italia e nel mondo.

Category: Case Histories

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

d.orlando@findernet.com'

Article by: Davide Orlando