finder solidale

Finder augura a tutti un Natale solidale

Da alcuni anni i clienti Finder ricevono per Natale un biglietto di auguri speciale. Questo biglietto è speciale perché rappresenta il contributo dato per il sostegno di un progetto solidale. 

I progetti solidali a cui avete contribuito

I progetti solidali a cui Finder e i propri partner hanno partecipato sono stati diversi ogni anno; alcuni hanno riguardato i bambini della Repubblica Centrafricana (attraverso l’organizzazione Medici Senza Frontiere) e della Tanzania (organizzazione Unicef). Altri invece sono stati di supporto per alcune associazioni solidali locali, come il Progetto Giada e il Progetto Casa Famiglia Budrola.

Progetto Giada

L’associazione Giada Onlus nasce nel 2011 ad Almese (Torino) in memoria di una bambina di nome Giada e grazie ad un gruppo di volontari si pone l’obiettivo di portare sollievo a bambini affetti da gravi patologie, in particolare di natura oncologica.

Offrire ai ragazzi un ambiente accogliente e su misura per loro è un obiettivo di grande importanza: gioia, divertimento e spensieratezza rappresentano infatti elementi positivi nel percorso di cura, perché migliorando lo stato psicologico dei bambini si ottengono anche risultati positivi sul loro stato di salute. 

Attraverso eventi ludico-ricreativi nelle più suggestive località del territorio, Progetto Giada offre quindi opportunità di svago sia ai bambini che alle loro famiglie, occupandosi inoltre degli aspetti legati alla loro salute e alla loro sicurezza: un presidio medico ed infermieristico è infatti sempre presente nel corso degli eventi organizzati.

Finder sostiene le iniziative del Progetto Giada e anche tu con il biglietto di auguri ricevuto contribuisci a regalare alcune giornate di svago e serenità ai bambini dell’associazione.

La casa famiglia Budrola

La Fondazione TALITA’ KUM – Budrola nasce nel 2008 con l’obiettivo di fondare e gestire la casa famiglia oggi situata a Budrola, nel Comune di Caprie (To). 

La casa-famiglia è una struttura di accoglienza volta a ricreare un ambiente famigliare che ospita bambini ed adolescenti che non possono vivere con le loro famiglie. Si tratta di una normale abitazione in cui due figure di riferimento (una mamma e un papà adottivi) si dedicano con amore a crescere i loro “figli acquisiti”, donando loro il calore che i bambini non hanno mai ricevuto.

La Fondazione inoltre non si occupa solo di attività inerenti al sostegno dei minori, dal 2012 infatti ha ampliato le sue attività occupandosi di diversi progetti legati alla solidarietà sociale.

I progetti realizzati

Grazie al contributo dato, è stato possibile acquistare e installare dei nuovi giochi per i bambini.

Con l’occasione, Finder ringrazia tutte le associazioni che si dedicano con impegno a sostenere chi vive una situazione meno fortunata e invita tutti quanti a riscoprire insieme l’importanza della solidarietà.

Category: Switch to the future

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Emanuela De Palo