Kit tapparelle- Finder YESLY

Automazione tapparelle: la soluzione Finder in un’unica confezione

L’ecosistema Finder Yesly è l’innovativa soluzione Finder pensata per trasformare qualunque abitazione in una smart home.
Studiato per incidere e aumentare il comfort quotidiano degli utilizzatori finali, le soluzioni applicative di YESLY sono numerose; come ad esempio:

  • accendere e spegnere le luci;
  • comandare diversi punti luce; 
  • controllare le tapparelle e le tende elettriche 
  • creare scenari attraverso la commistione delle funzioni precedenti, personalizzando l’accensione e l’apertura/chiusura delle tapparelle e tende elettriche in base alle esigenze.

Per le applicazioni più comuni all’interno delle abitazioni, Finder propone il Kit tapparelle Finder YESLY, la soluzione per automatizzare tende e tapparelle elettriche senza dover sprecare tempo nella ricerca dei dispositivi necessari all’installazione.
Il Kit tapparelle contiene: 

  • 5 attuatori per tapparelle Bluetooth Tipo 13.S2 con due ingressi per pulsanti cablati;
  • 1 interfaccia Input Tipo 1Y.P2 sviluppata per integrare qualsiasi contatto, pulito o in fase (es. i pulsanti di comando generali), al sistema YESLY;
  • 1 range extender Tipo 1Y.E8.

Installazione del Kit e creazione di un impianto

La semplicità dell’installazione di YESLY si ripropone anche nell’installazione e configurazione del Kit per l’automazione tapparelle riassumibili in 5 semplici fasi.
Il primo passo sarà scaricare l’App Finder Toolbox Plus, l’applicazione compatibile sia con telefoni Android che iOS necessaria per installare e configurare l’intero sistema Finder YESLY.  

Fase 1: Creazione dell’impianto

A seguito della creazione del proprio account Finder sarà necessario accedere con le proprie credenziali e in seguito premere su “Configura dispositivo”.
Una volta effettuato l’accesso e aperta la sezione “Configura il tuo dispositivo”, sulla schermata di selezione dei dispositivi configurabili, bisognerà selezionare la voce “impianti” relativa ai dispositivi YESLY e in seguito:

  • premere su “impianto 1”, ovvero l’impianto creato di default dal sistema;
  • selezionare l’icona delle impostazioni posta nella parte alta della schermata;
  • modificare il nome dell’impianto dalla voce “dettagli” ed eventualmente spuntare “Visualizza  su Yesly”, nel caso in cui si voglia testare l’impianto prima della consegna al cliente, o “Sono il proprietario” nel caso in cui installatore e utente finale abbiamo lo stesso account

Fase 2: Associazione dell’interfaccia input

Creato l’impianto su cui lavorare potremo passare alla configurazione dei prodotti presenti all’interno del Kit. 
Selezionato e rinominato l’impianto appena creato il primo prodotto da associare sarà l’interfaccia input Tipo 1Y.P2 premendo sul pulsante “+” presente sotto la voce “Interfacce input”. Se i dispositivi presenti sono più di uno è possibile distinguerli premendo sul pulsante “cablato”: il dispositivo che passerà da stato OFF a ON sarà quello con cui si sta interagendo. 

Effettuato l’aggiornamento del firmware richiesto e rinominata l’interfaccia input, si aprirà una schermata dedicata al suo utilizzo, su cui sarà possibile selezionare la voce “scenario” su entrambi i bottoni. Selezionate le funzioni basterà terminare l’associazione tenendo premuto uno dei pulsanti cablati dell’interfaccia input.

Fase 3: creazione degli scenari

Tornando alla schermata relativa al nostro impianto, selezionare l’icona “+” in corrispondenza della voce “pulsanti scenario” e creare i due o più pulsanti generali per la salita e per la discesa delle tapparelle.
Per attivare gli scenari appena creati bisognerà associarli ad ogni attuatore tapparelle tornando alla schermata principale.

Fase 4: configurazione degli attuatori

Sulla schermata del nostro impianto, premendo nuovamente sull’icona “+” -corrispondente alla voce “Dispositivi YESLY” – dovremo modificare il nome di default, attribuendogli un nome significativo.
Dopo aver nominato il dispositivo, bisognerà eseguire i tre passaggi guidati visualizzati sulla schermata dell’App:

  1. tenere premuto il pulsante cablato;
  2. premere su ‘ASSOCIA TELEFONO’;
  3. rilasciare il pulsante quando richiesto.

Effettuati i passaggi necessari all’associazione, passeremo alla schermata per la configurazione dell’attuatore; premendo quindi su “Canale 1” per modificare i tempi di salita e di discesa della tapparella.
Sarà possibile variare manualmente sia il tempo della salita (T1) e di discesa (T2), sia il ritardo di azione dello scenario, da utilizzare solo in presenza di numerose tapparelle per evitare gli spunti sull’impianto

Fase 5: associazione degli scenari ai 13.S2

Per far sì che l’attuatore risponda ai comandi centralizzati sarà necessario configurarlo, quindi andare sulla sezione “Scenari” del dispositivo e selezionare ad uno ad uno, gli scenari a cui associare i singoli pulsanti. Per ogni singolo attuatore vi sono 8 slot, dunque 8 possibili scenari da collegare.
Di seguito elenchiamo i quattro passaggi necessari a concludere la configurazione:

  1. Scegliere uno dei due pulsanti scenario precedentemente creati – come “discesa generale”, “salita generale”. 
  2. Selezionare l’azione che deve compiere la tapparella quando verrà richiamato un determinato scenario.
  3. Premere “Scegli un pulsante wireless” per associare l’interfaccia input e selezionare l’interfaccia input precedentemente associata. L’associazione andrà a buon fine anche se la scritta appaia di colore grigio. 
  4. Selezionare il canale dell’interfaccia input che deve richiamare lo scenario.

Ripetere il processo per tutti gli scenari necessari (minimo due: salita e discesa).
Eseguendo i passaggi di configurazione degli attuatori e associazione degli scenari per ogni attuatore presente nell’impianto il tuo impianto sarà pronto e funzionante in brevissimo tempo!

Per ulteriori approfondimenti, informazioni sulla metodologia di condivisione dell’impianto e per le views finali dell’App scarica la guida.

Category: YESLY

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

g.amore@findernet.com'

Article by: Giulia Amore